consenso per l’uso dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante "Accetta i cookie" acconsenti all’uso dei cookie

17 Novembre 2017

Il Cammino delle Abbazie

Da Subiaco a Montecassino, sulle orme di San Benedetto per unire con un unico grande sentiero segnato ed attrezzato, lungo circa 150 km e con quasi completa esclusione di strade asfaltate, Subiaco con Montecassino, rispettivamente “culla” e “capitale” del monachesimo occidentale. Subiaco, dove sorsero i primi monasteri dell’ordine benedettino e dove rimangono ancora, intatti nella loro bellezza, il Monastero di Santa Scolastica ed il Sacro Speco. L’Abbazia di Montecassino, uno dei più importanti e famosi nel mondo tra i monumenti italiani, definita da Gregorovius “Atene medioevale nella notte dei secoli”. Un sentiero per ripercorrere, grosso modo, il tragitto intrapreso da San Benedetto (patrono d’Europa) tra l’anno 525 ed il 529 e che collega tra loro 7 importanti monumenti religiosi: Santa Scolastica e Sacro Speco a Subiaco, Certosa di Trisulti, Badia di San Sebastiano ad Alatri, Abbazia di Casamari, Abbazia di San Domenico a Sora, Abbazia di Montecassino. E’ questo il Cammino delle Abbazie, progetto elaborato dalla sezione del C.A.I. di Alatri (FR), su idea dell’allora presidente Luigi Scerrato, e approvato nel 2008 dal Gruppo di Ricerca Terre Alte del Comitato Scientifico Centrale. Un percorso per scoprire la realtà storico, artistica e religiosa di un territorio ad alta concentrazione di testimonianze di elevato valore come pochi altri luoghi in Italia ed in Europa. Il Cammino è sviluppato in nove tappe (più una variante estiva d’alta quota) tenendo conto delle possibilità di pernottamento alberghiero o extra-alberghiero e mettendo in risalto i pregevoli diversi ambienti naturali (alta montagna, media montagna, fondovalle) dell’Appennino Laziale Meridionale.

 Un percorso in cui il legame tra escursionismo a piedi, arte e fede diventa un’occasione di sviluppo turistico sostenibile e di valorizzazione dei c.d. “centri d’arte minori” della Ciociaria, terra famosa per i monumenti, per l’ambiente, per le tradizioni, per i figli illustri e per i sapori della cucina. Il Cammino delle Abbazie (in via di ultimazione in quest’autunno 2011 come tratto della Via Benedicti che unisce Norcia all’Abbazia di San Vincenzo nel Volturno) prevede, oltre la realizzazione del percorso con la segnaletica orizzontale e verticale adottata a livello internazionale e contrassegnata in questo caso dal logo , la pubblicazione di una carto-guida, la realizzazione del sito web e l’attivazione di una serie di eventi e strumenti per la promozione e la commercializzazione, anche internazionale, del percorso.  

(Attualmente il progetto è in fase di ampliamenti e di integrazioni) 

Referente Sottogruppo

Luigi Scerrato (CAI Alatri) mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

sito di riferimento www.caialtri.it